29.4.16

HEDIA: RISOLTO IL MISTERO!

         

Giallo internazionale svelato dopo più di mezzo secolo. Il 20 maggio 2016 sarà pubblicato il prossimo libro di inchiesta di Gianni Lannes. Invitati alla prima presentazione del volume, gli ambasciatori di Algeria e Francia in Italia. Chi vuole organizzare una conferenza può contattare il seguente indirizzo:

 

sulatestaitalia@libero.it

DITTATURA IN ITALIA: LA DENUNCIA DEL PROCURATORE SCARPINATO!



Il Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Palermo, Roberto Scarpinato in modo sibillina parla dello smantellamento della Costituzione repubblicana italiana da parte di organi sovranazionali "talora informali e privi di legittimazione democratica" - e di -"trasmigrazione dei poteri decisionali" - ed inoltre - "Della riscrittura di parti essenziali della stessa costituzione" con il governo al loro servizio. Ogni riferimento all'Europa e alla BCE è puramente voluto.





CERCHIO DI SCIE CHIMICHE!

Policoro - foto G.P. Farina

L'ODISSEA DELLA NAVE HEDIA E L'ASSASSINIO DI ENRICO MATTEI

       

Risolto un mistero che dura da più di mezzo secolo. Il 20 maggio 2016 sarà pubblicato il prossimo libro di inchiesta di Gianni Lannes. Invitati alla prima presentazione del volume, gli ambasciatori di Algeria e Francia in Italia. Chi vuole organizzare una conferenza può contattare il seguente indirizzo:

 

sulatestaitalia@libero.it

28.4.16

MATTARELLA: "UN DEPOSITO DI SCORIE RADIOATTIVE IN SICILIA"





di Gianni Lannes

«Per un intervento volto ad assicurare che non avranno alcun seguito le ipotesi di ubicazione nella miniera di Pasquasia del comune di Enna o in altra localita' della Sicilia di un deposito di scorie radioattive».



E’ il testo dell’interrogazione a risposta orale 3/03348 presentata da Sergio Mattarella il 3 marzo 1987: un atto parlamentare sottoscritto anche da 25 altri onorevoli di svariati partiti, indirizzato al ministro dell’industria Valerio Zanone (sotto il governo Craxi, con Scalfaro agli interni, Andreotti agli esteri e Spadolini alla difesa).

Né quel governo, né tutti i successivi (Fanfani, Goria, De Mita, Andreotti, Andreotti, Amato, Ciampi, Berlusconi, Dini, Prodi, D’Alema, D’Alema, Amato, Berlusconi, Berlusconi, Prodi, Berlusconi, Monti, Letta) fino a Renzi,  hanno mai fornito una risposta.

Ora, perché Mattarella, divenuto nel frattempo inquilino del Quirinale, non mette capo ad una vera ed approfondita bonifica di Pasquasia, non solo in superficie, ma soprattutto in profondità fino alle viscere delle gallerie tombate con scorie radioattive?








“CARTA-VITA” PER TUTTI

 
Scarica liberamente la tua opposizione all'espianto di organi, tessuti e cellule da

 
Il rifiuto alla donazione può salvarti la vita

IN SICILIA: UNA DISCARICA NUCLEARE SEGRETA DELLO STATO ITALIANO!





di Gianni Lannes

Vediamo se a qualche onorevole nostrano eterodiretto dall’estero ed assiso sulla poltrona pagata a caro prezzo dagli ignari contribuenti, torna la memoria, su una faccenda così delicata e dalle conseguenze catastrofiche per la salute collettiva. Che esperimento ha realizzato sotto mentite spoglie l'Enea nella colonia di Sicilia? Che danni ha prodotto la politica tricolore sotto il vessillo della corruzione e del trasformismo? Per quale ragione in punto di diritto costituzionale, ben 31 atti parlamentari specifici non hanno mai avuto risposta dai governi del belpaese, e, l'iter, risulta adesso paradossalmente "in corso" dal 1981, vale a dire dall'ottava legislatura, a tutta la diciassettesima sotto il segno dell'ineletto toscano? La nocività ambientale largamente diffusa come strategia di dominio? E perché mai la gente finalmente non si ribella a questa dittatura che annienta i diritti civili, toglie il respiro e uccide impunemente la vita?



27.4.16

I MURI DELLA VERGOGNA!

di Gianni Lannes

Certo nel 1989 è crollato il muro di Berlino, ma subito dopo quanti altri ne sono stati rapidamente eretti nel silenzio dei mass media, grazie alla follia di certi governi eterodiretti dalle multinazionali del crimine planetario, e all'omertà della gente comune?
 
Ora s'innalza un altro muro in Austria, dopo quelli in Palestina, in Serbia, in Ungheria, nell’enclave spagnola di Melilla e altrove, per segregare e respingere gli esseri umani da altri viventi o per negare minacciosamente la sopravvivenza. La modernità sotto l'incalzare della globalizzazione (capitalistica) sta trasformando le realtà urbane in prigioni a cielo aperto, assottigliando, anzi azzerando le libertà civili. Altro che sicurezza.

Dinanzi a schiere di disperati che fuggono dalle guerre predatorie scatenate pretestuosamente dall’occidente per rapinare le risorse naturali altrui, il prezzo netto è la perdita di vite umane.

ARRESTIAMO IL COLPO DI STATO IN ITALIA!

di Marco Mori*

Un Parlamento illegittimo modifica la Costituzione: scaricate e depositate la denuncia per usurpazione del potere politico, fermiamo il colpo di Stato.

Dopo i drammatici fatti degli ultimi giorni, un Parlamento composto, sono parole della Corte di Cassazione, in grave alterazione dei principi di rappresentatività democratica, ha avuto l’arroganza inaudita di approvare un’ampia revisione costituzionale su ordine diretto del Governo.  Trattasi di un atto eversivo dell’ordinamento senza precedenti che la Magistratura penale ha il dovere di fermare. Ecco la denuncia in integrale che potrete scaricare e depositare in ogni Procura della Repubblica italiana…

*avvocato

fonte:



OPERAZIONI VITALI!




 Cesareo d'urgenza nel piccolo ospedale di Enongal nel sud Camerun. I volontari  Federico ferrista, Franco ginecologo, Susanna anestesista, Franco chirurgo e Giacomo anestesista

di Franco Giusto

Mai più avrei creduto, finché ho svolto la professione nel mio paese Italia, che si potesse portare a termine un intervento chirurgico al buio. E' quanto successo a me chirurgo generale ed al collega ginecologo durante una missione di volontariato nel sud Camerun, nel piccolissimo ospedale rurale di Enongal, privo di acqua e con la corrente elettrica un po' si e molto no. Difatti a metà di un intervento di isterectomia che svolgevamo insieme su una giovane donna, in condizioni logistiche difficili che solo chi conosce l'Africa subsahariana può comprendere, la debole luce della scialitica che illuminava il campo operatorio svanì lasciandoci al buio più completo. Panico profondo per alcuni secondi ma bisognava terminare l'intervento. Situazione questa non prevista perché ci era stata garantita la corrente tramite generatore, ma colui che era addetto a farlo funzionare aveva pensato bene di andare in città a farsi fare la carta di identità, senza avvisarci, lasciando spento il generatore che nessuno sapeva far funzionare (c'est  l'Afrique !).

SCOMPARSA DI MIGLIAIA DI MINORI: ESPIANTO DI ORGANI A BAMBINI E ADOLESCENTI IN EUROPA

Chi non intende girarsi dall'altra parte o apporre un mero "mi piace", e vuole sostenere questa inchiesta indipendente, può effettuare un bonifico sul seguente conto corrente postale:

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742

dall'estero:

codice BIC/SWIFT

BPPIITRRXXX

Riferimenti:


Nessun paese europeo ha ancora ratificato la convenzione europea sul traffico di organi umani! Il cosiddetto principio di "legalità" segue il nullum crimen sine lege e così il traffico di organi umani espiantati ai minori, bandito a parole sui trattati internazionali, prospera impunemente anche all'ombra delle nazioni europee. Anche lo Stato del Vaticano non ha raticato il predetto trattato internazionale.Nel 2015, soltanto in Italia (12 mila), Grecia (7 mila) e Germania (6 mila) risultano ufficialmente irreperibili ben 25 mila minori, migranti non accompagnati.
Ieri Gianni Lannes ha ufficialmente informato dell'orrore in atto in Italia, anche il garante per l'infanzia e l'adolescenza, mentre il governo Renzi (che nessun cittadino ha votato) non risponde agli atti parlamentari.